1400 persone hanno sottoscritto la nostra lettera agli Ordini Professionali: leggila qui!

venerdì 30 settembre 2011

Prossimamente sui vostri schermi

                                               

Domenica 2 ottobre, alle ore 21 e 30, va in onda su Rai Tre la puntata di Presa Diretta dedicata al precariato. Iva ha collaborato con i giornalisti della trasmissione segnalando storie, contatti, e rilasciando un'intervista sul mondo delle finte partite iva e sui giovani - e non solo - architetti e ingegneri. Pubblichiamo qui il comunicato stampa inoltrato dalla redazione (il grassetto è nostro):

Quanti sono i precari in Italia? Quanto lavorano per paghe da fame?  E chi se ne approfitta? Chi consente lo sfruttamento di quanti non hanno alcun potere contrattuale, ma solo preziose competenze da offrire? 
Il 9 aprile di quest’anno i precari italiani si sono dati appuntamento in piazza per protestare contro una gravissima ingiustizia sociale.  Per la prima volta in molte città d’Italia rabbia e malcontento sono usciti dagli infiniti blog e dai siti di internet per trovare forma politica. La rassegnazione sembra finita per sempre.
Presadiretta ha deciso di dar voce alle migliaia e migliaia di persone che hanno perso il diritto al  futuro, giovani che sono costretti a piegarsi ai contratti a termine, di cui esistono infinite tipologie; ai disoccupati che per cercare di lavorare sono costretti ad aprire  partite Iva che in realtà nascondono un rapporto di lavoro subordinato; ai ragazzi che si sottopongono a infiniti stage che in realtà nascondono un vero e proprio impiego e non daranno loro alcun reale accesso al mercato del lavoro.  
La redazione di  Presadiretta  ha compiuto un enorme lavoro di ricerca per individuare tutti gli stratagemmi messi in atto dai datori di lavoro.  Ci sono, infatti, infiniti modi per sfruttare la disperazione di chi non ha  lavoro.  E molto spesso anche la Pubblica Amministrazione si avvale di questo tipo di contratti capestro. Un’intera generazione  non maturerà mai il diritto alla pensione, o dovrà sopravvivere con pochi spiccioli.
Riccardo Iacona è andato a Barcellona dove la comunità più numerosa di stranieri è composta da molti giovani italiani che sono fuggiti in Spagna per cercare migliori opportunità professionali. Ne è uscito un quadro sconvolgente, un vero proprio  far west normativo che nessuno vuole correggere e che  consente di non pagare,  o sottopagare i dipendenti. Un universo in cui le commesse sono finte stagiste, archeologi e architetti pagano Iva per guadagni da fame, i giovani avvocati possono solo lavorare gratis.
“Generazione sfruttata”  e’ un racconto di  Riccardo Iacona,  Raffaella Pusceddu,  Alessandro Macina e Elena Stramentinoli.

7 commenti:

  1. Siete da ammirare per la determinazione e la capacità di affrontare questa situazione ormai insostenibile!Questo scempio deve finire!!!

    RispondiElimina
  2. Ho visto la puntata, bellissima e deprimente al tempo stesso. La redazione di Presa diretta ha mostrato obiettivamente e realisticamente cosa è diventato il mondo del lavoro in Italia e cosa invece c'è fuori dai nostri confini. Mi sono venuti i brividi e le lacrime..anche io ero rappresentata tra tutti quei ragazzi..una "falsa" lavoratrice autonoma. Grazie ai giornalisti che hanno fatto la puntata e grazie a voi per il lavoro che state svolgendo.

    RispondiElimina
  3. So che vi hanno intervistato per 2 ore ed avete parlato di tutto quello di cui c'era da parlare, ho visto la puntata e vi hanno dato solo alcuni secondi, roba da pazzi!!!Siete gli unici a dare voce a quest'esercito di nuovi invisibili che vagano per l'Italia, so che è difficile per voi proseguire con questa iniziativa, anche voi avete una vita, ma io vi sosterrò per quanto possibile.

    RispondiElimina
  4. Non trovate che la parte su Fuksas sia stata ridicola? Nessuno gli ha chiesto come tratta quella miriade di ragazzi che lavorano per lui. Se sono a partita iva o sotto contratto...quanto sono pagati e quante ore lavorano...
    Spero sia stato fatto presente alla redazione...non si capisce perchè Fuksas debba sempre essere mitizzato!!!

    RispondiElimina
  5. Vi segnaliamo la messa in rete degli spezzoni di PRESA DIRETTA che sono stati realizzati in collaborazione. Sono tre. Due riguardano gli architetti (uno realizzato alla festa del ponte della musica - http://www.youtube.com/watch?v=Y5jykhgJfZk)
    (il secondo indaga sulle condizioni di lavoro interne agli studi, con l'intervista a Fuksas che desta qualche perplessità - http://www.youtube.com/watch?v=qqwF9HYJY5s), il terzo gli archeologi ma ha forti analogie con le condizioni di lavoro degli architetti (http://www.youtube.com/watch?v=ive2CjKIy2g). Il link ai video e icommenti di nostri lettori si possono trovare anche sulla pagina Facebook di Amate l'Architettura.

    RispondiElimina
  6. UNA SETTIMANA FA HO DETTO BASTA: sono ingegnere civile con 3 anni di esperienza, mi davano 200 euro al mese (in nero) per 9-10 ore al giorno e la promessa di un contratto di inserimento che (da quasi un anno) di mese in mese, veniva posticipato, ai limiti della presa in giro, senza contare la mancanza di rispetto del capo che si permetteva di trattarmi come una schiava. Mi occupavo di calcoli strutturali e redazione di piani di sicurezza. Da una settimana faccio la baby-sitter.. è più remunerativo e senza dubbio meno umiliante.
    Purtroppo la mia storia non è unica, grazie per quello che state facendo.

    RispondiElimina
  7. Vista la puntata, è puntualmente mi sveglio male come ogni mattina, chi mi ridà quel che sto perdendo adesso?ho provato ad uscire di casa con affitto e ragazza, per dar contro a chi dice che siamo dei bamboccioni. Devo cercar un secondo lavoro per sopravvivere. Famiglia?Beh non sembra che tutti ne abbiano i diritti, e non tiriamo in ballo che una volta si facevano sacrifici e adesso no. le ultime vacanze non so neanche quando sono state. Sono bravo?si molto e molto preparato, ma di lavori neanche l'ombra. Io resisterò fino alla fine perchè sono nato qua e già i miei nonni sono stati all'estero per mandar a casa i soldi.Però che amarezza...

    RispondiElimina