1400 persone hanno sottoscritto la nostra lettera agli Ordini Professionali: leggila qui!

venerdì 4 novembre 2011

Flexsecurity

In questi giorni è riemerso il dibattito sulla riforma della legislazione del lavoro e da più parti si è ricominciato a parlare di "contratto unico", "flessibilità in uscita", "Modello danese", "Flexisicurezza".
Cerchiamo di fare un pò di chiarezza.
La proposta del sen. Pietro Ichino, di cui abbiamo già parlato in un post precedente, parte da alcuni assunti molto chiari:

1) Il mercato non è più in grado di garantire una stabilità e continuità lavorativa, ma per adeguarsi agli assestamenti e oscillazioni ha bisogno di semplificazione legislativa e flessibilità nella gestione della forza lavoro.

2) I lavoratori non possono sostenere da soli il peso della precarietà, ma devono essere garantiti nel welfare e nella possibilità di accedere a una formazione continua e un reiserimento nel mondo del lavoro.

La proposta riguarda:

1) semplificazione della normativa che da 1570 pagine passa a 70 articoli

2) l'abolizione delle svariate forme di contratto per sostituirle con un unico contratto a tempo indeterminato anche per i lavoratori autonomi che traggano più di 2/3 del proprio reddito di lavoro complessivo dal rapporto con una determinata azienda,

salvo che:
- la sua retribuzione annua lorda superi i 40.000 euro
- il prestatore sia iscritto a un ordine incompatibile con la posizione di lavoratore dipendente.

Come funziona il licenziamento?
Il datore di lavoro può licenziare per un motivo oggettivo e non discriminatorio.
Al lavoratore viene garantita un'indennità di disoccupazione (oltre all'iscrizione a un'agenzia per il ricollocamento) pari al 90% dello stipendio per il 1° anno e dell'80% e del 70% nel 2° e 3° anno, il costo dell'indennità è assunto per la maggior quota dallo Stato per il 1°anno, mentre per gli anni successivi la quota maggiore viene assunta dal datore di lavoro che in questo caso avrà maggiori incentivi a reinserire il lavoratore.

Le questioni aperte sono:

La proposta di legge riguarda le sole aziende con più di 15 dipendenti?
L'assunzione farà riferimento ai Contratti Collettivi di Lavoro?
La posizione di incompatibilità tra lavoro dipendente e iscrizione all'ordine quali figure professionali riguarda?
Come funzioneranno le agenzie per il ricollocamento e da quali soggetti saranno gestite?


Nessun commento:

Posta un commento