1400 persone hanno sottoscritto la nostra lettera agli Ordini Professionali: leggila qui!

giovedì 23 febbraio 2012

Regime dei superminimi al 5% - chiarimenti

Chiarimenti sulla "mera prosecuzione" per l'applicazione del Regime dei superminimi D.L. 98/2011.

1) Con il contratto a progetto per una società si può passare al regime dei superminimi fatturando alla stessa società?

No perchè si configura la mera prosecuzione, ovvero si utilizzano gli stessi beni strumentali del committente, si lavora nello stesso luogo e a favore degli stessi clienti del precedente. A meno che non si riesce a dimostrare che l'attività svolta è diversa nei suoi contenuti concreti rispetto alla precedente. Ad esempio: nel contratto a progetto si era inquadrati come disegnatori CAD, mentre le fatture con partita iva vengono emesse come architetto/progettista, ma questi casi vanno dimostrati in fase di accertamento.

2) Si può accedere al regime dei superminimi anche se in precedenza si aveva un contratto come dipendente (a tempo determinato/indeterminato part-time/full time)?

A parte l'utopia del contratto da dipendente (sic!), la risposta è sì ma solo in questi casi: se si è stati licenziati per cause non imputabili al lavoratore, se è intercorso un congruo intervallo (2 anni) dal contratto da dipendente, se si mantiene il lavoro da dipendente e si apre partita iva.

3) Si può accedere al regime dei superminimi pur avendo fatto prestazioni occasionali per la stessa società con le stesse mansioni?

Su questo punto alcuni lettori ci sono venuti incontro inviandoci questo link, che riporta il contenuto di una risoluzione delle Agenzie delle Entrate il cui testo originale potete trovare qui. A prima vista sembra che una p.iva che utilizza gli stessi mezzi, fattura per lo stesso committente e per le stesse mansioni di una precedente collaborazione occasionale NON può accedere al regime dei superminimi. Quello che ci sfugge è perchè il regime dei superminimi possa estendersi a chi ha aperto partita iva dopo il 2008 e non a chi ha fatto per esempio una collaborazione occasionale nel 2008 e poi aperto partita iva - per stesse mansioni e stesso committente - nel 2009. Sul tema aspettiamo i vostri pareri e probabilmente proporremo un'istanza di interpello presso l'Agenzia delle Entrate.

IN VIA GENERALE COMUNQUE LA MERA PROSECUZIONE SI CONFIGURA QUANDO:
La nuova attività viene esercitata utilizzando beni strumentali dell'ex datore di lavoro, negli stessi luoghi e per le stesse mansioni.

4) si può accedere al regime dei supeminimi pur avendo precedentemente aperto partita iva all'estero?

Si perchè qualsiasi attività svolta all'estero è irrilevante ai fini dell'accesso ai superminimi.

5 commenti:

  1. Io ho aperto a gennaio una partita iva con regime dei superminimi, dopo precedenti contratti a progetto con una società. L'apertura della Partita Iva è coincisa con un cambio di residenza, da Roma alla Lombardia. Se in precedenza, come collaboratore, lavoravo per quell'unico committente, adesso sto "diversificando la clientela": ho attualmente 3 clienti, uno dei quali tuttavia è il mio precedente datore di lavoro per il quale ho svolto una mini-ricerca e col quale avrei intenzione di continuare a collaborare, anche se "saltuariamente". E' possibile, vero? Nel senso che penso di poter facilmente dimostrare che in nessun caso la mia attuale attività può qualificarsi come "mera prosecuzione" della precedente, cambiando luoghi, strumenti e diversificando i committenti. Non ci saranno problemi, vero?
    Grazie dell'attenzione,
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve Maurizio, sarebbe interessante sapere se ha trovato risposta al suo quesito; Questa della mera prosecuzione sembra essere la questione più oscura del nuovo regime dei minimi.

      Cordiali Saluti.

      Massimo

      Elimina
  2. io non comprendo tute queste limitazioni..non si accorgono che cosi facendo non aiutano i lavoratori.
    per esempio, io mi trovo in una situazione dove sto lavorando con prestazioni occasionali per un azienda. ora mi fanno capire che a loro costo troppo e se non mi apro partita iva in modo da togliere a loro degli sgravi fiscali mi lasciano a casa.
    io potrei farlo, e visto il regime superminimi, mi farebbe comodo, ma in questo modo non posso, perchè sarebbe mera prosecuzione.

    RispondiElimina
  3. Le limitazione sono state fatte proprio per impedire l'uso improprio della P.iva, purtroppo questo fenomeno si è esteso talmente tanto che ha deviato l'intero mercato del lavoro. Non sei tu che costi troppo, ma è che il tuo datore di lavoro non è abituato a riconoscere i diritti minimi. Se la tua retribuzione è adeguata e svolgi un lavoro autonomo puoi aprirti p.iva in regime normale, se sei una Finta P.iva non è giusto che delle agevolazioni ne beneficiano esclusivamente i datori di lavoro. IL LAVORO NON E' UNA MERCE!

    RispondiElimina
  4. Salve a tutti, avrei una domanda.
    Attualmente ho partita iva con regime dei minimi e sono un libero professionista. Se voglio essere assunto da una societá con contratto a progetto posso mantenere la partita iva aperta? O devo chiuderla per forza? É possibile sospenderla temporaneamente, e se sí mantengo il regime dei minimi alla riapertura?
    Grazie.

    RispondiElimina