1400 persone hanno sottoscritto la nostra lettera agli Ordini Professionali: leggila qui!

domenica 29 giugno 2014

Workshop: IL LAVORO AUTONOMO FA RETE


Il 17 maggio a Firenze c'è stato il primo workshop strategico promosso da Acta e Iva sei partita con l’obiettivo di incontrare rappresentanti di altre associazioni del lavoro autonomo e di singoli professionisti.

L’esito del lavoro dei gruppi che troverete nel report dell'incontro, corrisponde alle opinioni dei presenti e non delle associazioni in generale, ed è da considerarsi un primo passo di un lavoro comune che per acquisire sostanza e corpo prevederà necessariamente nuovi incontri e ulteriori momenti di confronto".

Troverete l’esito dettagliato del lavoro dei gruppi qui: 

Ai partecipanti è stato chiesto di dividersi in due gruppi e lavorare per tavoli tematici. 
il tavolo delle IDENTITA'
il tavolo delle PROPOSTE

1° TAVOLO
Il tavolo delle “Identità” ha lavorato prima di tutto per definire "CHI SIAMO". 
Sembrerebbe una questione banale, ma in realtà questo è un nodo cruciale che determina la scarsa coesione che c'è tra i lavoratori autonomi e di conseguenza la poca incisività sulle proposte da portare avanti. La necessità di trovare una definizione comune che metta insieme le molte realtà del lavoro autonomo che soffrono delle stesse fragilità è urgente, anche per sollecitare le istituzioni per azioni di riforma efficaci.
La discussione ha provato a tirare fuori una definizione:
"Siamo lavoratori, autonomi nell’organizzazione del nostro lavoro e forniamo servizi in cui prevale la componente intellettuale, non adeguatamente riconosciuta ne’ valorizzata. 
Siamo lavoratori diversamente tutelati, arbitrariamente assimilati ad altre categorie lavorative (es. imprenditori)." 


VI RICONOSCETE IN QUESTA DEFINIZIONE?
Aggiungereste o togliereste qualcosa?

2° TAVOLO
Il tavolo "strategie" ha lavorato invece sull'individuazione di alcune proposte comuni come possibili punti di partenza per una piattaforma di discussione (vedi approfondimento).
Sinteticamente i temi individuati sono stati:
Pensione: Necessità di poter ricongiungere in modo NON oneroso i versamenti fatti ad INPS gestione separata ed altre Casse di Previdenza. Bloccare l'aumento al 33% per INPS gestione separata (l'aumento è stato solo procrastinato).Ipotesi di unificazione di tutte le casse.
Diritti previdenziali ed assistenziali: Garantire anche al lavoratore autonomo l'assistenza dignitosa in caso di malattia, inabilità, invalidità temporanea o permanente. Proposta di un fondo "intercategoriale" . Maternità/paternità, ottenere il contributo senza astensione obbligatoria, versamenti in base al reddito e non forfettari.
I redditi: L'inesistenza di organi di tutela, la mancanza di contrattazione, la crisi del mercato e la liberalizzazione delle tariffe (solo per gli ordinisti) ha portato a un abbassamento dei compensi per il lavoro autonomo intellettuale. Il tavolo si è interrogato sulle possibili strade da percorrere per definire i margini di compenso per cui il lavoro può definirsi tale.

QUALI SONO I TEMI CHE RITENETE PIU' URGENTI?
Aggiungereste o togliereste qualcosa?

Queste sinteticamente i temi discussi, (per approfondire leggi il documento completo). Il lavoro del workshop andrà avanti con l'obiettivo di individuare alcune tematiche e proposte comuni a tutte le categorie per dare voce alle istanze del lavoro autonomo.


Nessun commento:

Posta un commento