1400 persone hanno sottoscritto la nostra lettera agli Ordini Professionali: leggila qui!

domenica 1 marzo 2015

#27 febbraio: nasce la rete delle Associazioni e dei Movimenti dei lavoratori autonomi (e Iva c'è)!

Vi avevamo promesso che saremmo tornati, e infatti eccoci qui!

Venerdì 27 febbraio si è tenuto a Roma lo Speaker Corner organizzato da Mobilitazione Generale Avvocati contro l'iniquità fiscale e previdenziale per i lavoratori autonomi. La manifestazione si è svolta in piazza Cavour dopo che la Questura ha comunicato agli organizzatori che questa sede era più opportuna rispetto a quella originariamente concordata, e cioè la sede della Cassa Forense.

Qui trovate un racconto dettagliato della giornata (raccontata molto obiettivamente ma nonostante ciò ricca di succosi gossip).

C'eravamo anche noi insieme a decine di associazioni di liberi professionisti, freelance e precari. Un piccolo "9 aprile", che, per chi lo ricorda, fu la grande manifestazione dei precari organizzata a Roma nel 2011, quando Iva era appena nata.

All'epoca le speranze di uno Statuto dei Lavoratori che risolvesse le nuove forme di sfruttamento del lavoro sorte all'ombra dei contratti precari e delle finte partite iva e contemplasse e valorizzasse il vero lavoro autonomo si infranse contro la Riforma del Lavoro del Ministro Fornero.

Sono passati 4 anni da allora e dopo le riforme del fisco, previdenziali, delle professioni e il Jobs Act crediamo ci sia ancora tanto, troppo, per cui far sentire la nostra voce. 

Grazie anche tutta la rete di Associazioni e Movimenti che ha partecipato il 27 febbraio con entusiasmo e nuove idee possiamo dire che Iva è viva e lotta in mezzo a noi (e a loro)!

Dopo la manifestazione infatti c'è stata una riunione delle associazioni partecipanti (una quindicina) che si è conclusa con la firma di un documento comune: tutte le associazioni presenti si impegnano a far rete per lanciare azioni comuni per un fisco e una previdenza più equi e la legalità e il rispetto dei diritti dei lavoratori autonomi (finti e veri).

Il particolare momento storico che viviamo ci ha portato ad identificare nel tema previdenziale un nodo fondamentale: sia perchè il nuovo Presidente dell'INPS Tito Boeri si è pronunciato spesso in termini di sostenibilità del sistema pensionistico e di equità sociale e generazionale, sia perchè a 2 anni dalle riforme previdenziali delle Casse private conseguenti al Decreto Salva Italia del 2011 tutte le Casse dei liberi professionisti ordinisti si trovano in mezzo a una bufera di malcontento da parte dei propri iscritti, soprattutto coloro che sono più giovani e a basso reddito.

I problemi sono comuni anche se gli Istituti Previdenziali sono diversi: minimi obbligatori troppo alti rispetto ai redditi della categoria, pensioni drasticamente decurtate per i neo-iscritti, mancanza di solidarietà e di equità da parte dei redditi più alti e di chi ha beneficiato di trattamenti pensionistici, diciamo così, "generosi"...

Per tutti questi motivi abbiamo deciso di partire dalla Previdenza e di organizzare una carovana di eventi che vedranno protagoniste le diverse Casse Previdenziali, a cui la rete di associazioni aderirà, secondo il principio di solidarietà intercategoriale (siamo tutti lavoratori e cittadini prima che avvocati, architetti, farmacisti...) come avvenuto il 27 febbraio.

Intanto, a questo link potete trovare l'elenco delle Associazioni che fanno rete con Iva.


Rimanendo in tema, vi ricordiamo di andare a votare durante queste elezioni Inarcassa: la nostra Cassa di previdenza, a differenza delle altre, è in piena campagna elettorale: è un'occasione perchè possiamo in questo momento fare in modo di cambiarla da dentro.

Noi di Iva appoggiamo Inarcassa Insostenibile e la coalizione Inarcassa 2.0 che condividono un programma comune.

In questo anno (un po' assenti dal web ma più presenti nella realtà) abbiamo lavorato a fondo con Inarcassa Insostenibile, i delegati di Salva Inarcassa che hanno votato contro la Riforma 2012 e gli Ordini degli Architetti e degli Ingegneri che vogliono cambiarla per  trovare proposte alternative e battere a tappeto tutto il territorio nazionale, presentando più di 100 candidature per rinnovare il Comitato Nazionale dei Delegati.

Potete controllare le candidature nella vostra provincia a questi link:


E qui un link di come si vota.





Nessun commento:

Posta un commento