1400 persone hanno sottoscritto la nostra lettera agli Ordini Professionali: leggila qui!

martedì 10 marzo 2015

Inarcassa: oggi, domani e dopodomani si vota!


Oggi, domani e dopodomani si vota per il rinnovo del Comitato Nazionale dei Delegati Inarcassa.

Qui trovate la lista dei seggi, provincia per provincia, e le istruzioni di voto.

Come già scritto in passato, Iva sei Partita sostiene Inarcassa Insostenibile e Inarcassa 2.0.

Al di là delle proprie preferenze di voto, sarebbe importante che soprattutto (ma non solo) le giovani generazioni, che hanno visto dopo la riforma le proprie pensioni tagliate del 60% a fronte di un aumento dei contributi minimi del 50%, e che ad oggi rappresentano la fascia più numerosa e debole degli Iscritti a Inarcassa, andassero a votare numerosi per chi si candida per la prima volta con un programma di rinnovamento o si ricandida avendo però lavorato con coerenza nel suo mandato e osteggiato quella riforma.

Ciò che accade spesso, invece, è che proprio l'inerzia della nostra generazione favorisce la mancanza di ricambio al potere e l'assenza di rappresentanza delle nostre istanze nelle istituzioni.

Tutti noi, almeno diversi minuti al giorno, siamo presi dall'angoscia del nostro futuro e dallo sconforto per le decisioni di una classe dirigente miope e autoreferenziale: in questi tre giorni usiamo questi minuti per andare al seggio e dire che vogliamo qualcosa di diverso!


"La salvezza è, come sempre, nella volontà di rinnovamento delle giovani generazioni, quando esse approfondiscono la conoscenza critica dei processi, la consistenza dei loro obiettivi, rafforzano l'unità della loro azione.
Questo processo è in atto, fra difficoltà, contraddizioni ed errori. Ad esso giovano l'esperienza passata, la identificazione dei responsabili, per isolarli e denunziarli nominativamente, per smascherare l'ipocrisia che tende a rappresentare tutti colpevoli e nessuno innocente.
La contestazione è una strada. Deve divenire più razionale e continua, più radicale e settaria, anche a costo di generare momentanei episodi di insofferenza ed allungare il cammino. Solo nella presa di coscienza delle proprie ragioni e della propria forza le nuove generazioni razionalizzeranno le strutture del proprio paese e con esse anche quelle dell'architettura".

Luigi Cosenza

Nessun commento:

Posta un commento